GSB Galvanotecnica

Da Oltre 50 Anni Nel Settore Galvanico

GSB Galvanotecnica

Da Oltre 50 Anni Nel Settore Galvanico

 

GSB Galvanotecnica

Da Oltre 50 Anni Nel Settore Galvanico

Stagnatura

Il processo di stagnatura è impiegato sia nell’ industria elettronica, per la sua eccellente conducibilità elettrica, sia nell’ industria alimentare per le sue proprietà di non tossicità a contatto con gli alimenti.

Il trattamento è conforme alle Direttive 2000/53/CE; 2002/45/CE; 2002/62/CE; 2002/95/CE e 2011/65/UE (Rohs); 2004/96/CE; 94/27/CE; 2002/61/CE; 2001/95/CE; 2003/11/CE; 2004/21/CE; 2003/36/CE; 2003/53/CE; 2006/122/CE; Regolamento 1907/2006 (REACH).

I rivestimenti di stagno sono di un colore bianco/grigio, che permane anche a contatto con l’umidità (a differenza dell’argento che si annerisce) e vengono testate per una resistenza alla nebbia salina di circa 200/300 ore, con depositi di 20 micron (ricordiamo che lo stagno fonde a temperatura di +230 °C e resiste sino a –70 °C).

La norma UNI ISO 2093 specifica i requisiti per i rivestimenti elettrolitici di stagno su oggetti in metallo già lavorati meccanicamente, per proteggerli dalla corrosione e per facilitare la saldatura.

Secondo la Normativa NEMI, indicata per applicazioni nel settore elettronico con saldabilità critiche, i depositi devono essere di stagno opaco (matte) con una grana = 0,001 / 0,005mm e di Carbonio = 0,005/0,05%. Per leghe di alluminio, rame e acciaio (ad esempio: piccoli dissipatori, pins, ecc..) deve esserci un pre-trattatamento di : 0,002/0,003mm nichel (possibilmente opaco) / + Stagnatura 5um come sopra.